ICT Solutions / AIOps / Operations Management

Operations Management

— Un IT più intelligente.

Semplificare complessità operative

Power outage, problemi di rete, errore umano o di configurazione: i disservizi IT incidono seriamente sulle prestazioni di qualsiasi prodotto tecnologico, con conseguenti perdite di revenue e insoddisfazione dell’utente finale. Per questo è importante che tutto sia sotto controllo, ed è per questo che Beta 80 offre servizi di Operation Management Automation, Operation Monitoring & Performance, Infrastructure Management, Application Performance, Network Performance.

Contattaci
avatar

Flavio Gatti

Line of Business Manager

Automatizzare, per concentrarsi su altro

La velocità con cui la tecnologia cambia e si perfeziona è una sfida per ogni reparto IT. Per questo automatizzare l’operatività diventa un fattore chiave di differenziazione e di vantaggio competitivo. Perché automatizzare significa poter recuperare risorse necessarie per gestire i numerosi cambiamenti tecnologici e la continua evoluzione del business, riducendo la complessità IT.

 

 

Le soluzioni di Operation Management ed Automation di Beta 80 si pongono come risposta per l’automatizzazione di diversi ambiti:

 

Workload Automation (WLA): per una gestione automatizzata delle transazioni e dei task relativi a processi di business. Si tratta di automatizzare e controllare flussi applicativi, permettendo audit e ottimizzazione dell’esecuzione. In questo ambito lavoriamo con BMC Control-M e Broadcom ($Universe ed Automic).

 

Orchestration e Patching: per gestire la compliancy e le vulnerability in modo automatizzato in ambienti ibridi. Le nostre soluzioni (Micro Focus e BMC) permettono di automatizzare le complesse operazioni di un datacenter, oppure gestire centralmente il patching su ambienti eterogenei.

 

Network Automation: per automatizzare l’intero ciclo di vita dei device di rete, dal provisioning al controllo delle policy di change, compliancy e alla sicurezza amministrativa. Lavorando con MicroFocus Network Automation, proponiamo audit su cambiamenti di configurazioni oppure configurazione automatica di apparati su larga scala.

I nostri servizi

Beta 80 può affiancare l’azienda cliente nelle seguenti modalità:

  • POC – si prende come esempio il monitoraggio di un’applicazione e un server per tipologia
  • progetto – si realizza una piattaforma di monitoraggio in funzione degli obiettivi aziendali
  • gestione di servizi – sia con modalità AM sia con giornate di tuning della piattaforma
  • consulenza – assessment, piani di migrazione/evoluzione, valutazioni di processo, software evaluation.

È possibile realizzare tool di monitoraggio per i clienti che sono alla loro prima esperienza, oppure è possibile una consolidation, con l’introduzione di una piattaforma che integri i vari strumenti o li sostituisca parzialmente o totalmente.

Un ulteriore scenario è quello service driven, dove l’azienda passa da una visione puramente ad eventi, ad una visione più incentrata sul servizio, magari anche attraverso l’introduzione di strumenti di discovery. Ancora, da un monitoraggio infrastrutturale, si può passare ad un controllo delle performance applicative e più legate all’esperienza utente (Application Performance); oppure, in un contesto dove il cliente lavora con un’infrastruttura ibrida, si propongono strumenti capaci di includere tutte le tecnologie (Hybrid IT). Infine, per i clienti che hanno applicazioni cloud native, diventa interessante introdurre un monitoraggio orientato all’Operation Analytics (Automated AIOps Powered) e verso una metodologia Autonomous Cloud Management (Dynatrace).

Monitoring: tutto sotto controllo

Tempi e costi affrontati per individuare problemi o a causa di prolungati disservizi ai clienti: far fronte a queste difficoltà è possibile attraverso strumenti di monitoraggio capaci di tenere un corretto controllo delle applicazioni, così da poter identificare rapidamente gli eventuali problemi e ancor più rapidamente risolverli, prima che vengano segnalati dagli utenti finali.

Il mercato presenta differenti tool di monitoring. Beta 80 affianca l’azienda cliente, studiandone approfonditamente l’infrastruttura, così da poter consigliare ed assistere nell’implementazione di servizi come ad esempio digital experience monitoring, end user experience monitoring, application performance management, log management, network performance monitoring, AIOps.

 

 

 

In questo contesto, le soluzioni proposte (Micro Focus, OpenSource, Splunk, BMC, Dynatrace, Anodot) si concentrano su:

monitoraggio di ambienti ibridi

 

monitoraggio di applicazioni cloud native

 

Artificial Intelligence

 

problem identification e anomaly detection

 

automatic remediation

 

network monitoring & performance.

I vantaggi

I benefici dell’IT Automation prevedono innanzitutto una più facile riduzione di costi e ad un aumento della produttività, perché l’automazione dei flussi di lavoro, eliminando la necessità dell’intervento manuale, libera il personale che può dedicarsi a progetti più importanti. Inoltre una delle principali priorità delle operazioni IT è il raggiungimento dei massimi livelli di disponibilità possibili, un obiettivo su cui l’automazione può dare un grande contributo: sappiamo bene che gli outage possono avere un gravissimo impatto sul business.

Infine, affidabilità: demandare attività ripetitive e banali ma necessarie all’automazione IT consente di limitarne i potenziali errori. Ne giova anche la customer satisfaction, e quindi il rating del servizio e di conseguenza la revenue. Le operation si focalizzano quindi sulle esigenze del business, in un’ottica proattiva piuttosto che reattiva. L’MTTR viene ridotto al minimo e l’Application Performance viene misurata e migliorata.